Novità

Novità

NOVITÀ

Dal Mondo: Gli Stati Uniti si dotano di nuove regole per gli appalti pubblici

Categorie: Novità

Tali novità hanno l’obiettivo di favorire il rafforzamento della produzione e delle catene nazionali di fornitura, soprattutto in riferimento ai settori strategici per l’economia e la sicurezza nazionale attraverso l'acquisti di beni e componenti prodotti negli Stati Uniti anche in presenza di prodotti stranieri più competitivi.

Dal Mondo: Gli Stati Uniti si dotano di nuove regole per gli appalti pubblici
Categorie: Novità

Tali novità hanno l’obiettivo di favorire il rafforzamento della produzione e delle catene nazionali di fornitura, soprattutto in riferimento ai settori strategici per l’economia e la sicurezza nazionale attraverso l'acquisti di beni e componenti prodotti negli Stati Uniti anche in presenza di prodotti stranieri più competitivi.

 

Il 7 marzo scorso, il Consiglio per la Regolamentazione degli Acquisti Federali (FAR Council) degli Stati Uniti ha reso note una serie di novità legislative, tese a rendere il dettato legislativo più coerente con la strategia di politica industriale della Casa Bianca. Tali novità hanno l’obiettivo di favorire il rafforzamento della produzione e delle catene nazionali di fornitura, soprattutto in riferimento ai settori strategici per l’economia e la sicurezza degli Stati Uniti.

Il Buy American Act del 1933 stabilisce che nell’ambito degli appalti pubblici per l’acquisto di beni e servizi superiori ai 10 mila dollari, il Governo Federale deve prediligere beni e componenti fabbricati sul territorio nazionale, con una soglia di contenuto domestico che attualmente è fissata al 55 per cento del costo totale. La disposizione acquisisce una particolare rilevanza se si considera che il Governo Federale figura come primo acquirente a livello nazionale per molte categorie di beni e servizi, con una spesa annua di 600 miliardi di dollari. Criteri, questi, a cui è possibile derogare solo per motivi di interesse pubblico, in presenza di costi eccessivi o per incompatibilità con accordi commerciali internazionali.

Nello specifico, le nuove regole, che dovranno essere adottate dalle aziende e Agenzie federali a partire dal 25 ottobre 2022, prevedono un graduale incremento della suddetta soglia di contenuto domestico, che in 7 anni salirà fino al 75 per cento. Solo due eccezioni potranno essere accordate al momento dell’aggiudicazione dell’appalto: impossibilità per il mercato interno di fornire i prodotti richiesti; oppure la cosiddetta “fallback threshold”, che rimarrà in vigore fino al 2030 e che limita il contenuto domestico al 55 per cento in casi specifici e in assenza di prodotti alternativi.

L’incremento della soglia non avrà efficacia retroattiva e, quindi, non sarà applicato a contratti avviati in precedenza. Con il nuovo assetto normativo, l’Amministrazione Biden punta altresì a migliorare le condizioni del mercato del lavoro, rafforzando la capacità delle aziende statunitensi di competere nei settori strategici per l’industria statunitense. Ed è proprio in tale prospettiva che è stato introdotto un nuovo sistema di prezzi di preferenza che include due diversi livelli di prezzo di riserva: uno per i prodotti “standard” (+20 per cento per i piccoli contractor, +30% per quelli più grandi e +50% per gli acquisti del dipartimento della Difesa) e uno per quelli “sensibili”, relativi cioè a settori strategici come le tecnologie per l’informazione, i trasporti, l’energia, l’agricoltura e la difesa e per cui sono previsti prezzi di preferenza “rafforzati”.

Tale modello ha l’obiettivo di incoraggiare l’acquisto di beni e componenti prodotti negli Stati Uniti anche in presenza di prodotti stranieri più competitivi. 

[Continua a leggere l'articolo su Diplomazia Economica Italiana].

 

Fonte: Diplomazia Economica Italiana, la newsletter online realizzata da Agenzia Nova in collaborazione con la Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese - Ufficio I del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI).

Calendario 23 giu 2022

Condividi

Multimedia

Tag

Appalti pubblici stati uniti Notizie dal Mondo